Abuso omosessuale, trema la chiesa lucana quelle chat creano disordine

Abuso omosessuale, trema la chiesa lucana quelle chat creano disordine

Il pratica del prostituto Mangiacapra coinvolge diversi parroci della Basilicata

di Maria Ida Settembrino

Sono ore di «passione» per la tribunale di Napoli, travolta durante questi ultimi giorni da un incartamento giacche la dice lunga e colpa sulle vite dissolute e peccaminose di prelati ancorati ad un adatto di sacro in quanto poco li appartiene. Francesco Mangiacapra, l’ex notaio napoletano diventato gigolo e trascorso alle cronache attraverso aver denunciato palesemente le tristi vicende sessuali di alcuni sacerdoti ha depositato appresso la tribunale di Napoli un dossier di 1300 pagine contenente nomi, cognomi, telefoni, contatti, fatti e soprattutto prove un sincero e corretto rupe sotto cui far indebolirsi dall’altra parte cinquanta tra sacerdoti e seminaristi viziosi. «Il dossier e comprensibilmente indirizzato alla cancelleria perche – smistati i documenti alle rispettive curie competenti – prenda provvedimenti urgenti sulla contegno di questi prelati», modo lo uguale Mangiacapra spiega nell’introduzione del dattiloscritto.

A impaurirsi e di nuovo la Basilicata, per mezzo di i suoi insospettabili talari di famiglie rispettabili, vicine ai big della approccio del versante sotto marateota. «Persone vicine e interne agli ambienti ecclesiastici mi riferiscono affinche in questi momenti la inquietudine di molti preti e di conoscere qualora rientrano nei magnifici 60 inclusi nel mio documentazione. Questi ecclesiastici dalla coscienziosita esiguamente spolverata farebbero palesemente ideale a premurarsi dell’incompatibilita della propria propensione mediante le proprie azioni e questa la motivo dello oscenita. (더 보기…)

Continue Reading